Domanda per il rilascio dell’attestato provvisorio di imprenditore agricolo professionale (IAP) GIOVANE

Descrizione

Per le definizioni e caratteristiche di “imprenditore agricolo professionale” (IAP) consultare il modulo “Istanza per il riconoscimento della qualifica di Imprenditore Agricolo Professionale (IAP)“.

Si intende per giovane imprenditore agricolo professionale quell’imprenditore che:

  1. al momento della presentazione della domanda, ha una età inferiore a 40 anni;
  2. si impegna a costituire una valida azienda agricola, a condurla per almeno 5 anni ed a conseguire, entro tre anni, la qualifica di IAP.

Al giovane IAP viene rilasciato, quando ne sussistono le condizioni, un attestato provvisorio di “imprenditore agricolo professionale” che, nel periodo di validità e salvo conferma, è equiparato a tutti gli effetti di legge al certificato definitivo.

Requisiti

Al giovane imprenditore, come sopra definito, si rilascia un attestato provvisorio di “imprenditore agricolo professionale” sulla base dell’impegno a formare ed a condurre per almeno cinque anni un’azienda economicamente valida, ad aprire la posizione IVA non oltre 90 giorni dal rilascio dell’attestato provvisorio ed a conseguire il requisito di IAP entro tre anni, a far conto dalla mede­ sima data di rilascio dell’attestato.

Rientra nella medesima casistica di giovane imprenditore anche il giovane che già possiede o ha in godimento un’azienda e che, possedendo il requisito dell’età, assume il medesimo impegno.

Ai fini della presente disposizione s’intende per azienda economicamente valida quella che è in grado di produrre, sulla base di un bilancio di previsione calcolato ai prezzi correnti, un reddito net­ to aziendale soglia pari al 40% del Reddito medio da lavoro extragricolo (fissato annualmente dall’ISTAT) e che richiede un impiego di lavoro dell’imprenditore pari ad almeno 1.000 ore annue.

Il limite soglia viene ridotto al 20% del Reddito medio da lavoro extragricolo per le aziende ricadenti nelle zone montane e svantaggiate. In questo secondo caso resta però invariato il limite di 1.000 ore annue di impiego di lavoro.

Il giovane imprenditore è tenuto:

  • ad aprire, entro 90 giorni dal rilascio dell’attestato provvisorio, una regolare posizione IVA e ad iscriversi nel registro imprese della CCIAA;
  • a produrre al comune competente, entro e non oltre il terzo anno dal rilascio dell’attestato provvisorio, la documentazione atta a dimostrare il conseguimento definitivo dei requisiti per il riconosci­ mento della qualifica di IAP. Si evidenzia che tale impegno è totalmente a suo carico e va assolto, pena la decadenza dei benefici acquisiti in virtù dell’attestato provvisorio, senza che vi sia alcuna formale richiesta o sollecito da parte dell’Ente competente;
  • a condurre l’azienda formata per almeno cinque anni.

L’attestato provvisorio è equiparato al requisito di IAP per tutti gli effetti previsti dalla normativa vigente, salvo conferma entro il termine previsto.

Riconoscimento della qualifica di IAP alle società di giovani imprenditori

E’ previsto per le società costituite per almeno 2/3 da giovani IAP, riconosciuti tali, un attestato provvisorio di imprenditore agricolo professionale alle medesime condizioni già indicate per il giovane imprenditore individuale.

In questo caso ciascuno dei giovani imprenditori determinanti ai fini del riconoscimento della qualifica, e quindi con meno di 40 anni alla data di presentazione della domanda, deve assumere l’impegno a costituire e condurre per almeno cinque anni una società per la gestione dell’azienda che si intende formare, ad aprire una partita IVA entro 90 giorni ed a conseguire il requisito individuale di IAP nel triennio.

E’ inoltre necessario che:

  • Nel caso di s.a.s. uno dei soci giovanisia l’accomandatario;
  • Nel caso di soc. cooperative il quinto dei soci sia rappresentato dai soci giovani;
  • Nel caso delle società di capitali l’amministratore sia uno dei soci giovani.

Modalità di accesso e costi

Per la richiesta di rilascio dell’attestato provvisorio per la qualifica di imprenditore agricolo professionale (IAP) GIOVANE occorre produrre:

  • Modulo domanda debitamente compilato;
  • Copia del documento di riconoscimento del dichiarante;
  • Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà come da modello pubblicato;

e, se posseduti:

  • Certificato di attribuzione Partita Iva (inizio attività) e C.F.;
  • Iscrizione Camera Commercio Industria Artigianato Agricoltura – visura;
  • Visure catastali;
  • Copia domanda PAC (politica agricola comune);
  • Iscrizione UMA (utenti motori agricoli) – certificato;
  • Iscrizione INPS – certificato (tabulati relativi agli ultimi 2 anni);
  • Elenco attrezzature, mezzi (trattori, aratri, ecc.) ed immobili (stalle, fienili, ecc.) agricoli;
  • Atto costitutivo della società (se società)

Costi

Non sono previsti costi l’istanza.

Quando e come presentare la richiesta

La richiesta di rilascio dell’attestato provvisorio per la qualifica di imprenditore agricolo professionale (IAP) GIOVANE può essere presentata al Comune di Grottammare:

Ultimo aggiornamento

03/12/2020, 16:12