Musei Civici di Grottammare

musei civici jpg

 

Il sistema museale della città di Grottammare è composto da tre musei, tutti di arte novecentesca e contemporanea, centrati rispettivamente sull’illustrazione, sulla scultura e sulla pittura naïf. Il sistema comprende inoltre due sale espositive: una permanente, dedicata all’artista Gianni Ottaviani, e l’altra riservata a eventi e a mostre temporanee, denominata Spazio K. Quest’ultima, come il MIC, è ospitata all’interno del Palazzo Kursaal, a ridosso del lungomare, mentre le tre rimanenti strutture si trovano nel cuore del nostro affascinante borgo antico.

Museo Illustrazione Contemporanea

Piazza Kursaal

Il MIC si articola in una sezione permanente e una più dinamica, dedicata a esposizioni temporanee aperte alla verifica di ogni aspetto relativo all’arte dell’illustrazione. Riallestito nel 2020, esso propone in cinque ambienti tematici un confronto tra tendenze attuali e opere create a partire dai primi del ’900. Accanto ai lavori di alcuni tra i più celebri disegnatori italiani (Manara, Liberatore, Crepax, Matticchio), l’esposizione presenta una silloge di illustratori di nuova generazione (da Olimpia Zagnoli a Camilla Falsini, da Ale Giorgini a Emiliano Ponzi) e una consistente serie di autori di origine locale, tra i quali Adolfo De Carolis, Tullio Pericoli, Pericle Fazzini, Andrea Pazienza, Cleto Capponi, Angelo Maria Ricci, Maicol & Mirco.

Museo Torrione della Battaglia

torrione newCentro storico –  Vecchio incasato
Opere di Pericle Fazzini

dalla Collezione Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno

Ospitato in una torre militare della metà del ’500, il museo custodisce una collezione di opere di Pericle Fazzini, uno dei maggiori scultori novecenteschi. Essa consente di seguire alcune fasi dell’attività di questo artista attraverso circa 230 esemplari – tra sculture, disegni, studi preparatori, incisioni, documenti – che abbracciano un ampio arco temporale, con una prevalenza per il periodo 1960-1980. A rendere particolarmente interessante la raccolta (la più cospicua tra quelle fazziniane permanentemente fruibili dal pubblico) sono un gruppo di piccole sculture in oro e argento, un numero considerevole di disegni e bronzetti, nonché, soprattutto, il bozzetto in argento di quella che viene considerata la scultura novecentesca più vista al mondo: la Resurrezione nell’Aula Paolo VI in Vaticano.

Museo Il Tarpato

il Tarpato newPiazza Peretti

Il museo è intitolato a Giacomo Pomili, un pittore naïf novecentesco originario di Grottammare, soprannominato “Il Tarpato”. Rinnovato nel 2021, le sue cinque sale espongono alcune decine di dipinti di questo artista autodidatta, proponendo due approfondimenti tematici. Il primo indaga il rapporto tra Pomili e la pittura naïf, segnalando la sua posizione all’interno del più ampio contesto sociale e culturale dell’arte “outsider”. Il secondo prende in esame un aspetto centrale della poetica di Pomili, l’interesse per la storia e il folklore di Grottammare: attraverso spunti offerti dai suoi dipinti, si fa cenno ad alcuni dei più importanti temi storici legati all’antico borgo e a elementi fiabeschi della tradizione popolare.

Sala Museale Gianni Ottaviani

Ottaviani

Piazza Peretti

Gianni Ottaviani, artista grottammarese trasferitosi a Milano negli anni Settanta, all’inizio della sua carriera tenne il suo atelier nei locali del Teatro dell’Arancio. Nel 2021 gli è stato idealmente riconsegnato questo spazio tramite l’allestimento di una sua mostra permanente, basata su un significativo nucleo di opere donate alla città. L’esposizione mette in luce alcuni tratti salienti della sua produzione: le opere monocromatiche degli esordi; le successive “histoires”, che legano la sfera del sacro alla geometria; e soprattutto la fase più matura, attestata da lavori in cui si nota una costante ricerca di codici e strutture capaci di dare un ordine alla complessità del reale.

 

 

E’ possibile visitare su richiesta la Sala Museale Gianni Ottaviani allestita all’interno del Teatro dell’Arancio  negli orari di apertura dei Musei Civici. L’operatore del Museo “Il Tarpato” è a disposizione per visite e informazioni

Spazio K

Spazio K Piazza Kursaal

Si tratta di un ambiente destinato a ospitare mostre temporanee ed eventi di diversa natura. Esso valuta senza pregiudiziali preclusioni apporti di qualunque tipo e provenienza, sebbene conceda un occhio di riguardo alle forme espressive della contemporaneità e a progetti improntati ai valori dell’uguaglianza, della parità e dell’inclusione. Oltre a porsi come obiettivo primario l’emersione dei fermenti attuali presenti sul territorio, questo spazio inaugurato nel 2021 rappresenta uno dei contenitori delle iniziative culturali ed educative proposte dal Comune, sia come sede esclusiva, sia fungendo da spazio complementare rispetto ad altre articolazioni del sistema culturale della città.

Orari Musei Civici

GIUGNO
tutti i sabati e le domeniche 5 e 6/06;  12 e 13/06;  19 e 20/06;  26 e 27/06 dalle 16.30 alle 19.30

 

LUGLIO – AGOSTO – SETTEMBRE
3 e 4 luglio dalle 21.30 alle 23.30
dal 10 luglio al 29 agosto: tutti i giorni compreso il 15 agosto (lunedì chiuso) dalle 21.30 alle 23.30
4 e 5 settembre dalle 21.30 alle 23.30
11 e 12 settembre dalle 16.30 alle 19.30

 

DICEMBRE
8 dicembre dalle 10.00 alle 12.00  e  dalle 16.30 alle 19.30
11, 12, 18, 19 e 26 dicembre dalle 16.30 alle 19.30

 

GENNAIO 2022
2 e 6 gennaio dalle 16.30 alle 19.30

 

APERTURE STRAORDINARIE

Su prenotazione da effettuarsi almeno 3 giorni prima del giorno di visita e per gruppi di almeno n.15 persone.

INGRESSO LIBERO

Ultimo aggiornamento

22/06/2021, 17:13