Concessione di loculo cimiteriale provvisorio

Descrizione del servizio

L’Amministrazione comunale, ai sensi dell’art. 21 del “Regolamento comunale di polizia mortuaria, servizi cimiteriali e trasporti funebri“,  potrà consentire, in base alle disponibilità dei loculi realizzati dal Comune, le tumulazioni provvisorie, la durata delle quali non dovrà superare 12 mesi.

L’Amministrazione comunale, sentito il Responsabile del Servizio Cimiteriale, in base alle disponibilità dei loculi realizzati dal Comune, potrà consentire le tumulazioni provvisorie, la durata delle quali non dovrà superare 12 mesi.

Modalità di accesso e costi

Per tali eventuali tumulazioni dovrà essere corrisposto un deposito cauzionale pari alla tariffa del loculo al momento della tumulazione.

E’ Facoltà della Giunta Comunale, nel caso di richieste di cittadini che si trovino in particolare stato di indigenza, di stabilire di volta in volta e con apposito atto, un deposito cauzionale di importo inferiore a quello della tariffa del loculo.

Il deposito sarà rimborsato al momento della sistemazione definitiva della salma, purché ciò avvenga entro 12 mesi di cui sopra, altrimenti sarà definitivamente riscosso dall’Amministrazione Comunale e la durata della sepoltura sarà come prevista dall’art. 26 e seguenti del Regolamento.

Costi

Il deposito cauzionale per la tumulazione provvisoria, stabilito con deliberazione di Giunta comunale n. 198 del 20.11.2012, è pari ad € 858,00, da versare prima della tumulazione della salma con le modalità indicate dall’ufficio Concessioni Cimiteriali.

Documentazione necessaria

All’istanza devono essere allegati:

  • Documento di identità del richiedente;
  • Marca da bollo da € 16,00 o attestazione di assolvimento dell’imposta di bollo se l’istanza è presentata online;
  • Ricevuta di versamento del deposito cauzionale.

Quando e come presentare la richiesta

La domanda di assegnazione di un loculo cimiteriale provvisorio, subordinata alle disponibilità dei loculi realizzati dal Comune, deve essere presentata al momento del decesso di un congiunto per il quale non si disponga di un loculo o un ossario in cui inumare i resti mortali. L’istanza può essere inoltrata al Comune:

Ultimo aggiornamento

29/11/2020, 10:45