Torna alla Home
Benvenuti sul sito del Comune di Grottammare - 21/09/2017
Home > Guida ai Servizi > Polizia Municipale > Patente a punti

INFORMAZIONI UTILI SULLA PATENTE A PUNTI

 cappello e paletta vigili

LA PATENTE A PUNTI:
L’istituto, in vigore dal giugno 2003, è stato introdotto al fine di garantire l’effettività della sicurezza stradale, mediante un’incisiva integrazione del sistema delle sanzioni amministrative pecuniarie ed accessorie.
 
QUANDO SI PERDONO I PUNTI:
All’atto del rilascio della patente di guida viene attribuito un punteggio iniziale di 20 punti, che possono essere decurtati in conseguenza della violazione di alcune norme di comportamento previste dal Codice della Strada.
La decurtazione punti opera esclusivamente nei confronti dei conducenti dei veicoli per la cui conduzione è prescritta la patente di guida, non anche, quindi, verso chi abbia commesso violazioni alla guida di velocipedi, o di ciclomotori, ovvero in qualità di passeggero trasportato a bordo di un’autovettura.
 
COME SI PERDONO I PUNTI:
Quando il procedimento sanzionatorio si è concluso -ciò che avviene quando sia stata pagata la sanzione pecuniaria comminata, ovvero siano stati respinti i possibili ricorsi, ovvero infine sia decorso inutilmente il relativo termine- l’Ufficio o Comando di appartenenza dell’Agente accertatore comunica il punteggio da sottrarre al Dipartimento dei Trasporti Terrestri (ex Motorizzazione Civile), il quale gestisce l’Anagrafe nazionale degli abilitati alla guida, il Dipartimento, quindi, comunica a sua volta ogni variazione di punteggio applicata direttamente agli interessati.
 
E SE IL TRASGRESSORE NON VIENE “FERMATO”E,QUINDI,IDENTIFICATO?:
In caso di mancata contestazione immediata – per intenderci, quando il verbale venga successivamente notificato all’intestatario del veicolo-  gli organi di polizia richiedono al proprietario del veicolo i dati personali e della patente di chi si trovava alla guida quando la violazione è stata commessa: la mancata comunicazione, entro trenta giorni, dei dati richiesti, comporta l’applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria pari ad Euro 357,00; ove intestataria della carta di circolazione risulti una persona giuridica (ente, società, etc.), la procedura appena descritta si applica nei confronti del legale rappresentante della stessa; in entrambi i casi, pertanto, la mancata comunicazione determina  l’applicazione di una (pesante) sanzione pecuniaria, senza tuttavia procedersi alla decurtazione punti dalla patente di alcun soggetto.
 
RADDOPPIO DEI PUNTI PER I NEOPATENTATI:
I punti previsti alla violazione di norme di comportamento, sono decurtati in misura doppia nei confronti di chi abbia conseguito la patente di guida dopo il 1° ottobre 2003, per i primi tre anni dal rilascio.
 
QUANTI PUNTI E’ POSSIBILE PERDERE CONTEMPORANEAMENTE:
Quando vengano commesse contemporaneamente piu’ violazioni “punite” nel punteggio patente a disposizione, può essere decurtato un massimo di 15 punti; ciò, tuttavia, non vale nell’ipotesi in cui almeno una delle violazioni commesse comporti anche la sanzione accessoria della sospensione o della revoca della patente: in tal caso, quindi, si decurtano tanti punti quanti normativamente previsti per ciascuna delle infrazioni compiute.
 
COME SI RECUPERANO I PUNTI PERSI:
I punti decurtati possono essere recuperati, a seconda dei casi, in tre distinti modi:
1)persi solo alcuni dei punti a disposizione, i 20 punti iniziali vengono attribuiti ex novo se, nell’arco dei successivi due anni, non vengono più commesse violazioni per le quali sia prevista la perdita di punti;
2)alternativamente, la frequenza di un apposito corso organizzato dalle autoscuole ovvero da soggetti pubblici o privati autorizzati dal Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, consente di recuperare fino a 6 punti (ovvero 9 punti, per i titolari di C.A.P. e patente B, o C, o C+E, o D o D+E);
3)infine, se il punteggio è esaurito –ciò che comporta il ritiro della patente- , i 20 punti iniziali possono essere recuperati soltanto superando di nuovo l’esame di idoneità alla guida.
 
COSA ACCADE QUANDO SI PERDONO TUTTI I PUNTI:
La decurtazione dei 20 punti a disposizione di ciascun patentato, comporta l’obbligo di sostenere di nuovo l’esame di idoneità tecnica alla guida, prescritta con apposito provvedimento del Dipartimento dei Trasporti terrestri; la mancata presentazione all’esame entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento determina l’applicazione della sospensione della patente a tempo indeterminato; invece, il mancato superamento dell’esame determina la revoca della patente.
 
COME SI INCREMENTANO I PUNTI:
I titolari di patente “a punteggio pieno” ottengono un “credito” di 2 punti ad ogni biennio trascorso senza commettere infrazioni punite con la decurtazione punti, fino ad un massimo di 10 punti accreditabili (max 20+10=30).
 
COSA FARE PER CONOSCERE IL “SALDO” DEL PROPRIO PUNTEGGIO:
Per sapere di quanti punti ancora dispone la propria patente di guida, è sufficiente telefonare al numero 848 782 782 da un telefono di rete fissa, seguendo le istruzioni indicate dal messaggio vocale: il servizio è stato attivato dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, ed ha il costo di una telefonata urbana.
 
NOVITA’ SULLA GUIDA DEI CICLOMOTORI:
Il 1° luglio 2005 entrerà in vigore l’obbligo, anche per i maggiorenni, di conseguire il certificato di idoneità –il cd. “patentino”- per guidare i ciclomotori, se gli stessi non siano già titolari della patente di guida di una qualsiasi categoria. I maggiorenni possono accedere all’esame in tre distinte modalità:
1)dopo aver frequentato un corso presso un istituto scolastico;
2)dopo aver frequentato un corso presso un’autoscuola;
3)infine, anche senza aver frequentato alcun corso, presentandosi direttamente presso gli Uffici Provinciali del Dipartimento dei Trasporti Terrestri (ex Motorizzazione Civile).
 
SUGGERIMENTI:
Se le informazioni fornite non sono chiare od esaustive, o le nuove disposizioni di legge vi creano dubbi od incertezze, potete richiedere più complete delucidazioni chiamandoci allo 0735 736375

UFFICIO COMUNALE DI RIFERIMENTO: Servizio Autonomo di Polizia Municipale
c/o Palazzina Vicolo Etruria n. 1 (1° piano)
Tel. Ufficio: 0735.736375
Fax: 0735.735077 E-mail: 
vigili@comune.grottammare.ap.it 

RESPONSABILE:
Stefano Proietti
E-mail:
s.proietti@comune.grottammare.ap.it

COLLABORATORI:
Consulta l'oerganico di P.M.

ORARIO DI APERTURA DELL'UFFICIO
:
Dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.00

Sabato dalle 08.00 alle ore 11.00
Il martedì e giovedì dalle 16.00 alle 18.00

 

 

 

(C) Copyright 2009 - Comune di Grottammare (AP) - Riproduzione consentita con citazione della fonte
Sito XHTML 1.0 / CSS 2.1 compliant realizzato dalla Topnet Telecomunicazioni - Luglio 2009