Torna alla Home
Benvenuti sul sito del Comune di Grottammare - 25/11/2017
Home > Gli Uffici e i Procedimenti > Polizia Municipale > Querela denuncia per maltrattamento animali

QUERELA DENUNCIA DA PARTE DI PRIVATI CITTADINI PER MALTRATTAMENTO ANIMALI

 cappello e paletta vigili

 

DESCRIZIONE:
Querela e denuncia da parte dei privati per maltrattamento animali - LEGGE 20 luglio 2004, n.189
Disposizioni concernenti il divieto di maltrattamento degli animali nonché di impiego degli stessi in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate
Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n.178 del 31 luglio 2004 (in vigore dal 1° agosto 2004)
 
QUERELA E DENUNCIA DA PARTE DEI PRIVATI:
Tralasciando ogni questione strettamente tecnica (soprattutto con riferimento alle formalità di deposito ), bisogna preliminarmente chiarire che i reati, in relazione alla "procedibilità" si distinguono - per la parte che qui interessa - in almeno due grandi categorie: quelli "perseguibili" a querela di parte e quelli "perseguibili" d'ufficio.
Tale distinzione è riscontrabile unicamente dopo una lettura delle singole norme incriminatrici del Codice penale.
La differenza - in estrema sintesi - risiede sul fatto che i reati perseguibili a querela sono quelli per la cui punizione del colpevole la legge richiede un impulso o un 'iniziativa da parte della persona offesa che, entro tre mesi dal fatto, dovrà formalizzare un atto (denominato querela) indirizzato all'Autorità Giudiziaria con il quale espone i fatti che ritiene costituiscano reato chiedendo la punizione del colpevole ove ne venisse accertata la responsabilità.
I reati perseguibili d'ufficio, invece, sono quelli per i quali l'Autorità Giudiziaria, una volta che è venuta a conoscenza (ad es. attraverso una relazione della Polizia Giudiziaria, ovvero una denuncia) del fatto in astratto riconducibile ad un reato, ha il dovere di proseguire le indagini anche in assenza di altro impulso da parte di terzi eventualmente offesi.
Se ne conclude che ove un reato sia perseguibile a querela di parte, se manca questo atto ovvero e proposto oltre i termini, la conseguenza sarà, di regola, la non procedibilità per mancanza dell'atto di impulso.
Per intenderci, tutti i reati contravvenzionali sono perseguibili di ufficio, la competenza (salvo pochissime eccezioni) e del Tribunale penale in formazione monocratica, (tranne per l'articolo 638 - Uccisione o danneggiamento di animali altrui - salvo che il fatto costituisca più grave reato, competenza di giudizio demandata al Giudice di Pace )
I reati relativi al maltrattamento ed all'abbandono di animali rientrano comunque tutti nella categoria di quelli perseguibili d'ufficio.
 
MODULI:
Premettendo che gli atti di denuncia e querela sono privi di specifiche formalità (eccetto quelle legale alle formalità di deposito) e, dunque, alla portata- salvo ipotesi complesse - di tutti e che presso gli uffici preposti alla ricezione di questi atti sarà possibile trovare una valida assistenza alla compilazione (per la quale, un legale di fiducia e bene sempre contattare prima del deposito), ecco un esempio assolutamente generale di denuncia al quale poi adattare con le dovute differenze i singoli atti. Utilizzate l'esempio solo come riferimento.
-Art. 544 bis c. p. (Uccisione di animali)
-Art. 544 ter (Maltrattarnento di animali)
-Art. 544 quater (Spettacoli o manifestazioni vietati)
-Art. 544 quinquies (Divieto di combattimento tra animali)
-Art. 638 c. p. (Uccisione o danneggiamento di animali altrui)
applicabile "salvo che il fatto costituisca più grave reato quindi (Art. 544 bis) e per il quale -per l’ipotesi del primo comma- occorre la proposizione di atto di querela da parte della persona offesa 
-Art. 727 c. p. (Detenzione incompatibile - Abbandono di animali)
-Art. 2 della Legge (Divieto di utilizzo a fini commerciali di pelli pellicce di cani e gatti)
 
La denuncia (o querela se si procede per l'articolo 638) va depositata cancelleria
a mano o presso un qualsiasi Ufficio di Polizia Giudiziaria (Carabinieri, Polizia di Stato, Corpo Forestale, guardia di Finanza, Polizia Municipale, Polizia Provinciale) che sono tenuti non solo a riceverla ma anche a disporre subito gli opportuni accertamenti.
Non usate raccomandate o fax.
Inviate a LAV - Applicazione legge maltrattamenti - Via Sommacampagna 29 - 00 185 Roma, copia del vostro atto. Permetterà di stilare una statistica nazionale ed eventualmente attivare l'articolo 7 della nuova legge che permette alle associazioni e gli enti riconosciuti di "perseguire finalità di tutela degli interessi lesi" ai sensi dell'articolo 91 del Codice di procedura penale.

UFFICIO COMUNALE DI RIFERIMENTO: Servizio Autonomo di Polizia Municipale
c/o Palazzina Vicolo Etruria n. 1 (1° piano)
Tel. Ufficio: 0735.736375
Fax: 0735.735077
E-mail: 
vigili@comune.grottammare.ap.it 

RESPONSABILE:
Stefano Proietti
E-mail:
s.proietti@comune.grottammare.ap.it

 

COLLABORATORI:
Consulta l'oerganico di P.M.

ORARIO DI APERTURA DELL'UFFICIO
:
Dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.00

Sabato dalle 08.00 alle ore 11.00
Il martedì e giovedì dalle 16.00 alle 18.00

 

 

Download Correlati
download Modello denuncia per maltrattamento animali Modello denuncia per maltrattamento animali 26.5 Kbytes, formato doc
download Modello denuncia per maltrattamento animali Modello denuncia per maltrattamento animali 21.18 Kbytes, formato pdf
(C) Copyright 2009 - Comune di Grottammare (AP) - Riproduzione consentita con citazione della fonte
Sito XHTML 1.0 / CSS 2.1 compliant realizzato dalla Topnet Telecomunicazioni - Luglio 2009